by admin admin Nessun commento

Puntata 88 – Maximilian Law si racconta a Radio Bunker

Ascolta la puntata:

Maximilian Law, nato a Ferrara nel 1981 ma trasferitosi due decenni fa negli States è attore, regista, sceneggiatore am anche produttore.
Ha studiato cinema e teatro, a Roma, Milano e Los Angeles.

Fondatore del Ferrara Film Festival che tuttora dirige, ci racconta come è nato questo progetto, come si è evoluto e come cambierà.

Parleremo poi con Antonio della mostra d’arte giapponese che si è inaugurata due giorni fa in città a Ferrara.

Continuate a seguirci.

by admin admin Nessun commento

Frammenti di Sol Levante a Ferrara

Ha avuto luogo, nella serata di mercoledì 7 luglio a Ferrara, presso la Galleria d’Arte “Il Rivellino”, l’inaugurazione della mostra “Frammenti di sol levante”, a cura di Maria Marchese. Si tratta di una collettiva di ben dodici artisti contemporanei giapponesi ed è stata realizzata grazie alla sinergia collaborativa tra La Galleria Il Rivellino di Ferrara, il Club Amici dell’Arte di Ferrara, la Yukiko Nakajima Gallery di Osaka, Arti services ed Exit Urban Magazine, e con il patrocinio del Comune di Ferrara e del Consolato Generale del Giappone a Milano.

Le opere esposte, immortalate dall’obiettivo fotografico, sono state realizzate da Musashi Atsuhiko, Hiroyuki Saito, Umakawa Yosuke, Uemae Isao, Takagi Toru, Jun Seki, Azuma Gaku, Matsuoka Yuko, Harada Kaname, Hasegawa Takako, Asada e Kida Hiroshige mediante l’uso di diversi materiali. Durante il vernissage è stata espressa grande soddisfazione da parte del Presidente del Club Amici dell’Arte, l’artista Marco Nava, del direttore artistico Alessio Musella, editor di Exit Urban Magazine, Art&Investments, WL Magazine nonché Art director di AArtChannel e della dott.ssa Alessandra Korfias, coordinatrice del ponte Italia/Giappone e responsabile di Arti Services. Maria Marchese, curatrice della mostra, anch’essa soddisfatta di quest’esperienza estense, ha introdotto alla mostra il pubblico intervenuto accennando al perché del singolare nome di “Frammenti di sol levante”, spiegando che si fa riferimento al Kintsugi, ovvero l’antica arte giapponese del riparare gli oggetti in ceramica infrantisi, con l’uso dell’oro, dando loro un nuovo significato ed un inaspettato senso d’armonia.

Antonio Vaianella, Presidente dell’Associazione Culturale Yujo Ferrara e direttore del magazine online “La Spada e il Ventaglio”, dichiarandosi estremamente soddisfatto dell’iniziativa, ha fatto cenno al fatto che Ferrara, nell’anno 1585 e regnante il duca Alfonso II, sia stata una delle prime città d’Europa visitate dalla prima delegazione ufficialmente riconosciuta proveniente dal Giappone, la famosa “Ambasciata Tensho” e di come questa mostra rappresenti una sorta di ponte che riunisce Ferrara al Giappone dopo tanti secoli. Presenti all’inaugurazione la prof.ssa Cinzia Reggiani e Gian Luca Amaroli, che hanno affiancato e sostenuto questa importante iniziativa, e Simone Zagagnoni, direttore di Radio Bunker, podcast ferrarese che ha collaborato alla promozione della mostra e che ha realizzato, per il vernissage, la diretta facebook. A tutti i presenti sono giunti i saluti da parte del Consolato Generale del Giappone a Milano.

by admin admin Nessun commento

Puntata 87 – Il ricordo di Raffaella Carrà | Giorgia Pozzi

Ascolta la puntata:

Radio Bunker oggi ricorda Raffaella Carrà, scomparsa dopo una malattia incurabile pochi giorni fa. Raffa, come era conosciuta dalla maggior parte degli italiani era la regina della TV italiana e chi ha vissuto fra gli anni ’60 e ’90 ha quasi sicuramente visto alcuni suoi programmi e conosce le sue canzoni.

Era certamente un’altra televisione quella che la Carrà ha vissuto e che ci ha trasmesso, fra balletti, programmi toccanti, canzoni emozionanti che ora fanno parte della storia artistica e televisiva italiana.

Dopo questo momento, passeremo ad intervistare Giorgia Pozzi, attrice dello spettacolo ‘I nomi di un gioco’ andato in onda al complesso del Seraphicum il 5 e il 6 luglio scorso.

Continuate a seguirci.

by admin admin Nessun commento

Raffaella Carrà ci ha lasciati

La regina della TV italiana, Raffaella Carrà ci ha lasciati.

Alle 16 e 20 di oggi, dopo una lunga malattia, si è spenta la bionda per eccellenza dalla nostra TV nazionale.
Nata a Bologna nel 1943 da padre romagnolo e madre siciliana, iniziò il suo sodalizio con il mondo dell’arte quando a otto anni si trasferì con la famiglia a Roma e iniziò a frequentare l’Accademia Nazionale di Danza fondata dalla ballerina russa Jia Ruskaja per poi passare al Centro Sperimentale di Cinematografia sempre nella capitale.

Negli anni ’50 e ’60 partecipò ad alcune pellicole ma senza riscuotere nessun particolare successo.
Fu però nella stagione 1969 – 70 in cui la Carrà, ebbe il suo grande esordio come presentatrice nello spettacolo ‘Io, Agata e tu’ in cui la nostra Raffa proponeva un nuovo stile di showgirl, energica e scattante.

Partecipò poi a Canzonissima e iniziò a produrre canzoni come ‘A far l’amore comincia tu’ o ‘Tuca Tuca’, che le dettero il trampolino di lancio come cantante.

Famosissima ormai negli anni ’80, incise l’album ‘Mi spendo tutto’ con la famosissima hit ‘Pedro’, una delle sue canzoni più note. Presentò poi ‘Millemilioni’, ‘Fantastico 3’, ‘Pronto Raffaella?’, ‘buonasera Raffaella’, ‘Domenica In’, ‘Raffaella Carrà Show’ e tanti altri.

Prolifica anche negli anni ’90 e 2000 quasi fino alla fine dei suoi giorni.
Tutta Italia piange la scomparsa di questa bravissima conduttrice ed artista che ha lavorato nei migliori anni dello spettacolo italiano e con numerosissimi artisti di alto livello.

Radio Bunker si stringe al dolore della famiglia.

Ciao Raffa, grazie di tutto!

by admin admin Nessun commento

Puntata 86 – Italiani nella Guerra Civile Americana | Alessio Droghini

Ascolta la puntata:

Sapevate che durante gli eventi bellici che sconvolsero gli Stati Uniti nel XIX secolo, da tutti conosciuti come Guerra Civile Americana, sugli schieramenti nordisti e sudisti combatterono pure numerosi italiani?

E da oggi vi raccontiamo questa storia.

Seguiremo poi con un’intervista ad Alessio Droghini, collega di Floriana Corlito che, questa sera e domani andrà in scena con lo spettacolo teatrale I NOMI DI UN GIOCO, a Roma, presso il complesso del Seraphicum alle ore 21.

Continuate a seguirci.

by admin admin Nessun commento

Puntata 85 – Castello Tesino, l’arte murale e la Torta Tesina | Gioia Mayer

Ascolta la puntata:

Oggi vi racconteremo cosa siamo andati a fare in Tesino, una valle trentina a cavallo fra la catena dei Lagorai ed il solco della Valsugana, ricca di tradizioni, di storia e con un sacco di attrattive turistiche, storiche e naturalistiche.

Nello scorso fine settimana si è tenuta la premiazione della kermesse artistica ‘L’Arte murale e la montagna’ che ha visto la partecipazione di sette artisti trentini in sfida con le loro opere realizzate su altrettanti muri paesani.
La sera del 26 si è tenuta la premiazione che ha visto come vincitore Giuliano Rattin di Canal San Bovo.

A seguire il concerto del cantautore Claudio Comuzzi e del suo coro che ha anche dedicato una canzone al fagiolo Tesino.

Il giorno dopo poi si è tenuto il ‘Pranzo con il fagiolo’ voluto dall’Associazione Arte e Scienza Olistica di Castello Tesino e magistralmente organizzato dal Circolo Culturale e Artistico Tesino e dai Cucinieri Tesini al cui termine è stata presentata la Torta Tesina a base di fagiolo locale.

Un weekend ricco di esperienze fra interviste, gastronomia e soprattutto ‘fresco’.

Seguirà poi l’intervista alla Maria del Gazzettino, Gioia Mayer che da Venezia ci racconta la sua esperienza di far parte di una tradizione veneziana vecchia di secoli.

Continuate a seguirci.

by admin admin Nessun commento

L’omicidio di Chiara Gualzetti

Chiara Gualzetti non aveva nemmeno 16 anni.
Chiara Gualzetti viveva in un piccolo paese della campagna bolognese.
Chiara Gualzetti amava tirare con l’arco, in una compagnia storica.

Era giovane ed aveva dei sogni, sorrideva e davanti a lei c’era tutta una vita, amava gli animali ed era spensierata.
Tutto questo finchè un suo coetaneo, poco più grande di lei, ha deciso che doveva morire, il tutto, a quanto detto agli inquirenti, richiesto da una voce, demoniaca, perchè lui tempo fa faceva rituali di magia nera o cose similari.
Accoltellata e poi picchiata perchè non voleva morire; lo stesso assassino ha dichiarato di essersi stupito di quanto resistente fosse la vittima.

L’ha lasciata poi priva di vita in un campo erboso, proprio sotto l’antichissima abbazia di Monteveglio voluta da Matilde di Canossa nel XII secolo e poi se n’è andato a casa, riportando coltello e abiti insanguinati come se nulla fosse.
Per fortuna ora questo folle è in mano alle Forze dell’Ordine e ci auguriamo che non esca più di galera.
Ma che gente c’è in giro?
Dopo la sparizione della giovane pakistana Saman, Chiara è l’ultima di una lunga scia di violenze che speriamo possano essere fermate quanto prima.

Nel frattempo una giovane vita è stata spazzata via per sempre.

La Redazione di Radio Bunker affranta per questa triste vicenda si stringe alla famiglia di Chiara in questo momento così tragico.

by admin admin Nessun commento

Larissa Iapichino infortunata

Purtroppo una brutta notizia dal mondo olimpico italiano.

La bravissima saltatrice in lungo, Larissa Iapichino, non potrà partecipare alle Olimpiadi di Tokyo per un grave infortunio occorsole ai campionati italiani dei giorni scorsi di Rovereto, a causa del quale le è stata diagnosticata “una distrazione del legamento deltoideo del piede di stacco”.
Larissa esprime la sua amarezza e dispiacere e noi, di Radio Bunker, le facciamo un grande “in bocca al lupo” per una pronta guarigione dicendole, con il cuore e l’anima, che non deve arrendersi e che avrà una nuova opportunità per le prossime Olimpiadi.

Forza Larissa, siamo con te.

by admin admin Nessun commento

Puntata 84 – Uccio De Santis si racconta ai microfoni di Radio Bunker

Ascolta la puntata:

Oggi intervistiamo il grande comico pugliese Uccio De Santis che ci racconterà come è diventato il personaggio di oggi e alcune anticipazioni dei suoi nuovi spettacoli, sia televisivi che teatrali.

Antonio poi ci racconterà di un episodio storico del periodo risorgimentale; la vicenda di Angelo Targhini e Leonida Montanari, carbonari.

Continuate a seguirci.

by admin admin Nessun commento

Puntata 83 – Bunker Night | Chiacchiere e pensieri notturni

Ascolta la puntata:

Nuovo episodio di Bunker Night dopo un’assenza di alcuni mesi. Con il supporto della nostra mitica Serena, torniamo a sussurrare e parlarvi mentre Vi presentiamo brani che vi accompagneranno in questa nottata.

Continuate a seguirci.