Stili di vita consapevoli: parte a Genova il progetto “Gli anelli del benessere”

Genova, 26 lug – Genova è la prima città in Italia nella prevenzione e nel contrasto di obesità e diabete, grazie al progetto innovativo Gli anelli del benessere che vuole traguardare stili di vita corretti, con l’ausilio della tecnologia e del marketing territoriale.

Un riconoscimento importante, che arriva dalla multinazionale farmaceutica danese Novo Nordisk nel quadro del progetto internazionale Cities Changing Diabetes, promosso nel 2014 dall’University College of London e dallo Steno Centre di Copenhagen con il supporto di Novo Nordisk, e coordinato in Italia dall’Health City Institute.

Il progetto, che coinvolge oltre 40 città nel mondo di cui otto italiane, si propone di valutare l’impatto dell’urbanizzazione sulle patologie croniche non trasmissibili, in particolare diabete e obesità, per arrestare la curva di crescita del diabete attraverso l’azione sui fattori modificabili come alimentazione, attività fisica e corretti stili di vita in generale.

«Genova, con il suo mare e i suoi spazi verdi outdoor, offre un ambiente unico che invita a scoprire uno stile di vita sano, dalle passeggiate sul litorale a quelle lungo le antiche creuze fino alle zone collinari. Un contesto ideale, quindi, per sviluppare questo progetto rivolto ai cittadini dell’area metropolitana: oltre 800mila persone, di cui il 30 per cento over 65 – spiega l’assessore al Marketing territoriale Francesca Corso – L’obiettivo del progetto Gli anelli del benessere è proprio quello di educare i cittadini, in particolare i giovani, a perseguire stili di vita sani, semplici e accessibili, con attività all’aria aperta: elementi fondamentali per ridurre l’obesità e di conseguenza per arrestare la curva di crescita del diabete, che tra Genova e città metropolitana coinvolge circa 75mila persone».

Gli anelli del benessere si basa sulla condivisione di conoscenze, sull’instaurazione di partenariati e su interventi mirati di prevenzione attraverso uno screening di massa sulla popolazione dell’area metropolitana genovese, per individuare i soggetti di tutte le età che, nel corso degli anni, rischiano di sviluppare un quadro di sindrome metabolica e/o di diabete.

«La salute dei cittadini è una delle priorità di questa amministrazione, come dimostrano la partecipazione di Genova alla rete mondiale di Cities Changing Diabetes e il riconoscimento ottenuto dal progetto Gli anelli del benessere. Inoltre, Genova è l’unica città italiana ad essersi dotata della figura dell’health city manager, che nasce dalla collaborazione tra Health City Institute, Università La Sapienza di Roma e ANCI e che ha il compito di promuovere il benessere della comunità – afferma l’assessore ai Servizi sociali Lorenza Rosso – Oggi, grazie alla collaborazione con altre città e alla condivisione di risorse e conoscenza, Genova può contare su un approccio integrato e multidisciplinare per il contrasto al diabete e all’obesità, malattie purtroppo assai diffuse anche a causa di alimentazione e stili di vita non corretti».

«La figura dell’health city manager rappresenta proprio un elemento bridge fra la popolazione, l’amministrazione e le autorità sanitarie per implementare dei programmi di prevenzione e costruzione di un percorso sul benessere e la qualità di vita – dice Andrea Lenzi, presidente dell’Health City Institute e del CNBBSV della presidenza del Consiglio dei ministri – Un professionista che possiede le capacità di interazione con gli altri attori del sistema così da programmare nel medio e lungo periodo azioni per migliorare la città nei termini di comunità che cresce in salute, in un programma che riguarda non le singole competenze, ma il senso di bene comune da costruire e in tal senso Genova è stata la prima città a dotarsi di questa figura dall’alto profilo professionale».

«Sono estremamente soddisfatto di questo risultato. I progetti sviluppati includono iniziative che promuovono una dieta sana, incoraggiano l’attività fisica e sensibilizzano la popolazione sul diabete e i suoi fattori di rischio, sfruttando anche le nuove tecnologie, come app dedicate al benessere e all’interattività dei cittadini – commenta l’health city manager Luciano Grasso – Gli anelli del benessere rappresentano l’evoluzione tecnologica e territoriale sia a livello nazionale che internazionale, del progetto L’arco del benessere che prese avvio nel 2019, nella provincia di Imperia. Sono fiducioso che, nei prossimi mesi e anni, Genova e health city Genoa possano essere considerate un modello virtuoso, esportabile in tutta Italia e in Europa. Grazie alla collaborazione con altre città e all’accesso a risorse e conoscenze condivise, Genova può beneficiare di un approccio integrato e multidisciplinare per affrontare questa importante problematica sanitaria».



Partecipa alla discussione