Il Monte Pelmo in uno scatto di Elia Lazzari

Pelmo d’Oro, la Fondazione Dolomiti Unesco premia l’Alpine Club

Nozze d’argento tra il Pelmo d’Oro e il mondo della montagna. Il premio istituito dalla Provincia di Belluno è arrivato alla venticinquesima edizione e sarà il Comune di San Tomaso Agordino ad ospitare la cerimonia di premiazione, prevista per sabato 29 luglio 2023, a partire dalle 10.15. Tra i premi anche quello “Speciale” assegnato dal 2017 dalla Fondazione Dolomiti UNESCO, che quest’anno andrà all’Alpine Club, il primo club alpino del mondo, fondato a Londra il 22 dicembre 1857 da John Ball.

Non ci sono dubbi sul fatto che ad apprezzare e divulgare all’esterno i valori estetici, paesaggistici e scientifici, che sarebbero poi divenuti i criteri dell’iscrizione delle Dolomiti nella Lista del Patrimonio Mondiale, siano stati i primi alpinisti, tra cui lo stesso John Ball che due mesi prima di fondare l’Alpine Club aveva conquistato per la prima volta la vetta del Pelmo, insieme a una guida di Borca di Cadore. Da allora questi valori sono diventati universalmente noti e hanno accresciuto la responsabilità delle popolazioni locali, impegnate nel garantire il connubio, divenuto più complesso con lo sviluppo turistico, tra attività antropiche e tutela dell’ambiente.

Il Monte Pelmo in uno scatto di Elia Lazzari

San Tomaso Agordino è il luogo giusto per ribadire questi valori: in questi anni il comune si è infatti votato ad un turismo lento, rispettoso dei tempi e dell’ambiente, grazie anche ai panorami straordinari sulla parete Nord-Ovest del Monte Civetta.

Il Premio Pelmo d’Oro per l’alpinismo in attività sarà assegnato alla guida alpina Santiago (Santi) Padròs, spagnolo d’origini e bellunese d’adozione. Allo zoldano Alessandro Massucci il premio per una carriera alpinistica lunga trent’anni, caratterizzata da 140 nuove vie e da innumerevoli ascese, anche sulle cime meno battute.  A Italo Zandonella Callegher, che con tratto brillante ha raccontato non solo le Dolomiti e la loro storia, ma anche i valori che fanno dialogare uomini e montagne, il Premio per la Cultura Alpina. Nel 25mo anniversario dell’istituzione del Pelmo d’Oro, il Premio Speciale della Provincia di Belluno andrà ai suoi ideatori, Oscar De Bona e Roberto De Martin. A Silvana Rovis, che ha saputo raccontare anche l’alpinismo al femminile, il Premio Speciale «Giuliano De Marchi».

Fonte: Fondazione Dolomiti Unesco

SOSTIENI IL NOSTRO LAVORO CON UNA TUA DONAZIONE


Partecipa alla discussione