Pallacanestro Brescia prima squadra di basket in Italia a ricevere il premio “Costruiamo Gentilezza nello Sport”

Il premio “Costruiamo Gentilezza nello Sport”, che valorizza la Gentilezza attraverso lo Sport, è stato consegnato oggi a Pallacanestro Brescia dall’Ambasciatrice bresciana Silvia Sardi con il Supporto di Ones Media House, società di recente insignita del riconoscimento di realtà Costruttrice di Gentilezza. 

Il premio “Costruiamo Gentilezza nello sport” è stato consegnato da Silvia Sardi quest’oggi durante il Match Brescia – Varese a Graziella Bragaglio, Presidente di Pallacanestro Brescia.

Pallacanestro Brescia è onorata di annunciare di essere stata insignita del prestigioso Premio “Costruiamo Gentilezza nello Sport” un riconoscimento del suo impegno nel promuovere valori sociali e nell’incoraggiare l’inclusione attraverso il gioco della pallacanestro.

Il riconoscimento, ideato dalla Giornalista dell’ Ussi Toscana e dell’Associazione Cor et Amor Gaia Simonetti, viene consegnato a Pallacanestro Brescia per il significativo impegno che ha profuso nel sostenere la pratica della pallacanestro a Diass (Senegal), dove Germani Spa ha avviato una lodevole iniziativa, un progetto inclusivo che ha aperto le porte della pallacanestro ai ragazzi di Diass, trasformando questo impegno sociale nella “Charity Mission” di Pallacanestro Brescia.

“La nostra sfida e’ partita con la donazione di materiale sportivo a Diass il 31 di ottobre alla presenza del Presidente  del Senegal Macky Sall – Il commento di Graziella Bragaglio, Presidente di Pallacanestro Brescia -. I più giovani faticano ad avere il materiale per giocare a basket: dall’abbigliamento alle scarpe, con questo progetto sociale  cercheremo di aiutare il più possibile tutti quelli che si vogliono avvicinare alla Pallacanestro , cercando di coronare i loro grandi sogni sportivi.”

Pallacanestro Brescia, nella figura del Presidente Graziella Bragaglio,  ha ricevuto il Premio dall’Ambasciatrice di Costruiamo Gentilezza Silvia Sardi, giornalista bresciana e manager sportiva di Ones Media House, ed è la prima squadra in Italia nel basket a ricevere questo riconoscimento nazionale che rappresenta un momento di grande orgoglio. 

Questo premio celebra i valori positivi trasmessi dallo sport e sottolinea il ruolo cruciale che la squadra ha assunto nel diffondere gentilezza e inclusione.

La filosofia di aiutare i giovani a realizzare i loro sogni è stata la pietra angolare del progetto a Diass, un messaggio che ora Pallacanestro Brescia si impegna a portare avanti nel suo palazzetto tra i suoi giocatori ed i tifosi, creando un impatto positivo sulla gioventù.

Il Premio “Costruiamo Gentilezza nello Sport” prende ispirazione dal gesto di accoglienza di Guglielmo Vicario verso una famiglia sfollata a causa della guerra. Questo riconoscimento valorizza i gesti altruisti attraverso lo sport, rendendo omaggio agli sportivi che diventano simboli di gentilezza e portavoce di messaggi positivi.

Ricordiamo che il Premio è stato dato a Javier Zanetti, Mister Claurdio Ranieri, Fondazione Milan, a Feralpi Salò, alla Domenica Sportiva per essere una trasmissione gentile. 

Ecco che la Commissione di Costruiamo Gentilezza ha identificato Pallacanestro Brescia ed il suo esempio positivo nello sport come meritevoli del riconoscimento alla gentilezza”.

 Il Premio non sarà fine  a se stesso, perché la Gentilezza deve essere un Comportamento diffuso non solo nello Sport ma nella vita di tutti i giorni in tutti gli ambiti. 

Questo premio è un’opportunità per promuovere la gentilezza come un comportamento fondamentale non solo nello sport, ma anche nella vita quotidiana. 

Pallacanestro Brescia intende dare seguito a questo riconoscimento attraverso una progettualità concreta: iniziando dalla Coppa Italia a Torino nel mese di febbraio, quando i giocatori indosseranno sulla sopramaglia il logo dell’associazione costruiamo gentilezza, assumendosi la responsabilità di trasmettere valori e messaggi positivi ai giovani .

Pallacanestro Brescia è grata per questo onore e si impegna a continuare a promuovere l’inclusione ei valori positivi dello sport nella società.





Partecipa alla discussione