“Night and Blues 2023”

Note musicali e buona cucina tornano ospiti per otto serate d’estate nel chiostro di Santa Maria della Consolazione (via Mortara 98) a Ferrara) con l’edizione 2023 di “Night and Blues”. La tradizionale rassegna musicale organizzata dal Rione Santo Spirito attende appassionati e curiosi dal 20 al 23 e dal 27 al 30 luglio prossimi con ingresso a offerta libera (apertura cucina dalle 20 e musica dalle 21.30).

Il programma della manifestazione è stato presentato oggi, 18 luglio, in conferenza stampa dall’assessore al Turismo Matteo Fornasini, assieme al presidente del Rione Santo Spirito Matteo Cristofori, al presidente onorario del Rione e consigliere Avis comunale Gabriele Mantovani, e al presidente dell’Ente Palio di Ferrara Nicola Borsetti. 

“Night & Blues – ha dichiarato l’assessore Matteo Fornasini – è una tradizionale e consolidata manifestazione che offre la possibilità al Rione di Santo Spirito e alla città di Ferrara di far conoscere anche ai turisti un luogo meraviglioso come il chiostro di Santa Maria della Consolazione. Ringrazio il Rione e tutte le contradaiole e i contradaioli per il grande impegno che dedicano all’organizzazione di questa bella manifestazione, anche perché in questi anni, al netto della pandemia, è diventato sempre più complesso organizzare eventi di questo tipo. Se Santo Spirito lo riesce a fare, così come altre contrade per altre manifestazioni, significa che alla base c’è un gruppo di volontari che sono diventati nel corso degli anni dei professionisti degli eventi, riuscendo a organizzare manifestazioni di alto livello. Il programma è ricchissimo e rappresenta anche quest’anno uno degli appuntamenti musicali estivi che più caratterizzano la nostra città. Il Comune sosterrà la manifestazione e il Rione con il proprio patrocinio oltre che con un contributo economico”.

“Per la prima volta “spezziamo” la rassegna – spiega il presidente del Rione Matteo Cristofori – la scelta è legata alla continua crescita delle contrade di Ferrara, che sono coinvolte in sempre più progetti e iniziative e che, essendo basate solo sul volontariato, devono dosare al meglio le proprie forze per poter fare tutto. Ci sono tanti impegni, allenamenti, prove anche in vista dei prossimi campionati nazionali delle bandiere di settembre e concentrando il Night & Blues in due week end lunghi siamo in grado di gestire la rassegna al meglio e dare il massimo al nostro pubblico. Inoltre nei week end speriamo di poter attirare non solo i ferraresi ma anche i turisti, che ormai hanno capito che Ferrara è anche un città piena di musica”. Nei primi giorni della settimana sarà possibile eventualmente recuperare i concerti in caso di maltempo.

Altra novità è quella che riguarda la programmazione musicale. “Dal 2003 –  spiega Cristofori – il Night & Blues ha portato nel chiostro di via Mortara musica di diversi generi, dal jazz al blues, dal soul al rock, dalla musica sudamericana a quella celtica fino ad arrivare negli ultimi anni alle tribute band quest’anno abbiamo deciso di puntare tutto o quasi su di loro, per venire sempre più incontro alle richieste del nostro pubblico. E sempre per questo siamo andati alla ricerca di gruppi nuovi, che non avevano mai suonato nel chiostro, alcuni nemmeno a Ferrara, come i Savannah Affair, che inaugureranno il N&B 2023 la sera del 20, i 60 Lire, Les Irlandiis, l’Ostetrika Gamberini e Pianeta Zero, che con un omaggio a Renato Zero avrà invece il compito di chiudere domenica 30 luglio”.
Non mancheranno però le conferme come i Queen Vision, l’Impresa Eccezionale e i Dire Straits Over Gold.

Ai concerti con ingresso che resta anche quest’anno a offerta libera, si affianca poi l’aspetto gastronomico, curato dalle cucine del Rione, con piatti tipici della tradizione ferrarese e non solo, e con la novità di quest’anno di qualche proposta vegetariana.

“Quando si parla di Palio – ha sottolineato Nicola Borsetti – si parla anche di persone e di famiglie, che si impegnano e mettono passione ed entusiasmo nel portare avanti questa realtà. Il Night&Blues ne è l’ennesima conferma ed è la dimostrazione del fatto che il Palio non si esaurisce nelle sole manifestazioni e nelle gare che si tengono nel mese di maggio, ma rimane in fermento tutto l’anno. In questi ultimi quattro anni si è inoltre registrato un aumento di coinvolgimento da parte della città che nemmeno la pandemia è riuscita ad arrestare, di questo non possiamo che esserne orgogliosi”.

“L’Avis – ha ricordato Gabriele Mantovani – da sempre collabora con tutte le contrade della città di Ferrara, è un sostegno reciproco che va avanti da molti anni. Alcune serate del Night&Blues saranno dedicate alle associazioni, ma soprattutto, come Avis, ci impegneremo a sensibilizzare i partecipanti alla donazione del sangue. Il 21 luglio, la serata dei Queen Vision, sarà inoltre dedicata a Florio Ghinelli, presidente dell’Avis recentemente scomparso”.

Dal presidente del Rione Matteo Cristofori sono poi giunti i “ringraziamenti a chi rende possibile, da 21 anni, tutto questo: l’Amministrazione Comunale, l’Ente Palio di Ferrara, Avis, i partner privati che hanno creduto e credono in questa manifestazione, la direzione artistica, che quest’anno è composta, oltre che da me, da Michele Zaniboni, Michele Ambrosi, Michele Marchesini e Gabriele Mantovani per i rapporti con i gruppi, Mattia Gardenghi per il service, che si occuperà praticamente tutte le sere di gestione audio e video, e ultima ma fondamentale la colonna portante del Night & Blues: i contradaioli giallo verdi, che fanno davvero di tutto”.



Partecipa alla discussione