Interno Verde vince il bando Coopera 2023 – Il premio servirà a realizzare tour virtuali per scoprire i giardini del festival

Interno Verde vince il bando Coopera 2023, promosso da Emil Banca. La cooperativa no profit ferrarese, nata per organizzare il festival dedicato ai giardini segreti delle città italiane, è stata premiata mercoledì 22 dicembre a Bologna dal direttore dell’istituto di credito cooperativo, Matteo Passini.

Alla cerimonia, svoltasi a Mug, hanno partecipato le realtà selezionate tramite il concorso, che valorizza e sostiene economicamente gli enti del terzo settore impegnati per lo sviluppo sociale, culturale e sportivo delle comunità. Hanno partecipato 140 associazioni e cooperative distribuite in tutto il territorio regionale, le premiate sono state 32. Tra queste figura Interno Verde, che ha meritato un finanziamento di 5mila euro, da destinare all’implementazione della Giardinoteca, già disponibile al sito www.internoverde.it.

«La Giardinoteca è la piattaforma online che raccoglie il frutto di otto anni di lavoro», spiega Licia Vignotto, responsabile della manifestazione. Vi si possono trovare tutte le ricerche storiche condotte negli archivi pubblici e privati per documentare i giardini segreti di Ferrara, Mantova, Parma e Piacenza. Raccoglie complessivamente più di 300 schede, che comprendono informazioni storiche, architettoniche e botaniche, insieme a curiosità e aneddoti famigliari. Ogni scheda è accompagnata da fotografie a colori e, quando è stato possibile rintracciarle, da immagini d’epoca. «I contenuti della Giardinoteca si possono considerare più unici che rari poiché impossibili da reperire altrove, si tratta di un importante patrimonio conoscitivo, utile agli studiosi ma anche a tutte le persone curiose, che vogliono scoprire qualcosa di più del luogo in cui vivono».

Riccardo Gemmo, presidente di Interno Verde, spiega come verrà destinato il premio: «grazie a Emil Banca questo database diventerà ancora più ricco, accessibile e accattivante. Investiremo in tecnologie innovative per realizzare dei tour virtuali dei giardini, sfruttando la realtà aumentata, videocamera 360° e visori. Questi meravigliosi spazi, custodi di memoria e bellezza, potranno così essere visitati da chiunque, anche da chi fisicamente non ha la possibilità di partecipare al festival».





Partecipa alla discussione