Gubbio: A teatro per ricordare Maddalena e aiutare la ricerca

Si chiama “E infine uscimmo a riveder la stella” lo spettacolo che si terrà al Ronconi il prossimo 20 aprile alle 21 in memoria di Maddalena Cicchelli

Si chiama “E infine uscimmo a riveder la stella” lo spettacolo che si terrà al teatro Luca Ronconi il prossimo 20 aprile alle 21 in memoria di Maddalena Cicchelli, scomparsa nel 2017 a soli 23 anni per una sindrome mitocondriale. L’Intero ricavato dello spettacolo andrà a sostegno di MITOCON, l’associazione che riunisce i malati mitocondriali e i loro genitori, e della ricerca che l’associazione finanzia e stimola. Le malattie mitocondriali derivano da alterazioni del DNA e colpiscono praticamente tutti gli organi del corpo con decine di sintomi differenti. Ad oggi sono malattie che non hanno cura: i pazienti assumono cocktail di vitamine e integratori, ma sono palliativi.

A presentare l’evento di sabato 20 aprile, questa mattina in Sala Consiliare, c’erano i familiari di Maddalenna Cicchelli, il sindaco Filippo Stirati e la vicesindaca Alessia Tasso.

“Dal momento in cui nostra figlia ci ha lasciato – ha spiegato Marco Cicchelli, papà di Maddalena –  abbiamo pensato che la sua e la nostra sofferenza non potevano diventare motivo di acredine, di inutile risentimento o di chiusura nel dolore, al contrario abbiamo desiderato trovare un modo per ricordarla nel modo migliore, cercando qualcosa che servisse anche ad alleviare il nostro dolore. Questo ci ha spinto verso l’unica strada che ci sembrava giusta, adoperarci per aiutare gli altri, fare qualcosa che servisse a sensibilizzare le persone e a finanziare la ricerca su questo tipo di malattie. Da allora siamo soci dell’associazione che riunisce i malati mitocondriali e i loro genitori trovando in essa conforto, amicizia e la possibilità di parlare con persone che vivono la nostra situazione e possono capirci. La strada che abbiamo scelto è quella dell’allestimento di spettacoli teatrali, è una cosa che sarebbe sicuramente piaciuta a Maddalena ed è anche una cosa che ci fa bene, perchè durante il periodo dell’allestimento, delle prove e dello spettacolo ci sentiamo utili a qualcun altro. Nel 2018, 2019, 2022 e 2023 abbiamo messo in scena una serie di spettacoli che raccontassero chi siamo, le nostre emozioni, ciò che pensiamo quotidianamente ricordando Maddalena e i modi che ci inventiamo per continuare a vivere. Anche quest’anno abbiamo ricominciato ad allestire un nuovo spettacolo che, come gli altri, avrà momenti di ballo, musica e monologhi, con la partecipazione di artisti che ci coadiuvano con la loro presenza e professionalità”.

Cicchelli ha ringraziato più volte l’amministrazione comunale, che da sempre sostiene lo spettacolo e le iniziative della famiglia Cicchelli: “Grazie a voi – ha detto la vicesindaco Alessia Tasso – per aver trasformato un evento tragico in un messaggio positivo, regalando alla città un evento anche di alta qualità artistica, che permette a tante belle realtà del nostro territorio di fare rete per costruire qualcosa di altissimo valore”. Anche il sindaco Filippo Stirati ha sottolineato “la nostra vicinanza alle associazioni del territorio, soprattutto e ancor di più quando un dolore privato diventa occasione di apertura verso gli altri. Invito perciò tutti i cittadini e le cittadine allo spettacolo, un modo bello e importante per sostenere la ricerca e ricordare così nel miglior modo Maddalena”.

Per acquistare i biglietti sarà possibile recarsi direttamente al botteghino del Teatro Ronconi i giorni 18 e 19 aprile dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 19, è anche possibile prenotarli telefonicamente al 335.7457493 o al 346.5171068.





Partecipa alla discussione