Ghost Horse in concerto al Jazz Club di Ferrara

Venerdì 15 aprile, ore 21.30
Ghost Horse
Dan Kinzelman, sax tenore e clarinetto basso
Filippo Vignato, trombone
Glauco Benedetti, tuba e euphonium
Gabrio Baldacci, chitarra
Joe Rehmer, contrabbasso
Stefano Tamborrino, batteria
+
Jam Session

Venerdì 15 aprile (ore 21:30) Ferrara in Jazz ospita le magnetiche sonorità di Ghost Horse, sestetto formato da Dan Kinzelman al sax tenore e clarinetto basso, Filippo Vignato al trombone, Glauco Benedetti alla tuba ed euphonium, Gabrio Baldacci alla chitarra, Joe Rhemer al contrabbasso e Stefano Tamborrino alla batteria. Il collettivo rappresenta l’espansione di Hobby Horse, trio che negli ultimi dieci anni si è posto all’avanguardia di un rinnovamento creativo nella scena jazz italiana. In questa sua nuova dimensione Ghost Horse ha esordito con ‘Trojan’ (Auand Records, 2019) nel quale, a partire da un ricco humus di poliritmie latine e africane, un ecosistema oscuro e misterioso digerisce, scompone e ricombina elementi di free jazz, hip hop, blues e musica elettronica. Così ne scrive Marco Biasio: Trojan “sembra possedere tutte le caratteristiche per proporsi come testa di ponte di una nuova e possibile internazionalizzazione di un certo modo tutto tricolore (leggi: inventivo, anarchico, meticciato) di scrivere e interpretare il jazz”. A questo magma sonoro si alterneranno inedite composizioni presentate in anteprima al Torrione. Segue il concerto l’imprevedibile jam session.

Immagini: Ghost Horse ©ManueleMeschini

Per info: https://jazzclubferrara.com

Partecipa alla discussione