GENOVA 2024: LA CAPITALE EUROPEA DELLO SPORT PRESENTA UN ANNO DI EVENTI ALLO STADIO OLIMPICO DI ROMA

Appuntamento giovedì 15 febbraio, alle 11, nella Sala Stampa dello Stadio Olimpico di Roma per la presentazione nazionale alla presenza del ministro per i Giovani e lo Sport, Andrea Abodi, del ministro del Turismo Daniela Santanchè, delle massime autorità sportive e del sindaco di Genova Marco Bucci.

Genova, 9 feb. – Un anno di eventi nazionali e internazionali, di progetti per ogni età e abilità con attenzione al rinnovo dell’impiantistica e alla promozione dello sport a 360 gradi come opportunità di miglioramento della qualità della vita dei cittadini. Genova presenterà giovedì prossimo a Roma, nella Sala Stampa dello Stadio Olimpico, alle 11, gli eventi e iniziative ideati per festeggiare il titolo di Capitale europea dello Sport.

Al fianco del sindaco di Genova Marco Bucci e dell’assessore comunale allo Sport e Turismo Alessandra Bianchi, già confermata la presenza dei ministri per i Giovani e lo Sport Andrea Abodi e del Turismo Daniela Santanchè, del presidente di Sport e Salute Marco Mezzaroma, del presidente del Coni Giovanni Malagò e del presidente del Cip Luca Pancalli. A rappresentare l’Associazione delle Capitali Europee dello Sport sarà il Segretario Generale Aces Hugo Alonso. Interverrà anche Silvia Salis, Vicepresidente vicario Coni e “genovese doc”, e l’amministratore delegato di Sport e Salute Diego Nepi Molineris.

«Grazie a Genova Capitale Europea dello Sport avremo la possibilità di ospitare manifestazioni di livello internazionale in ogni disciplina con l’obiettivo di far avvicinare il più possibile i giovani a questo mondo meraviglioso – dichiara il sindaco Bucci – Lo sport è una fonte educativa per tutti i ragazzi e ragazze ma anche per i meno giovani perché consente alle persone di rilassarsi, di ricaricare le batterie e di stare in salute. Sarà una grande giornata per la nostra città che presenterà alla nazione un anno ricco di sport e di eventi». «Genova ha tutte le carte in regola rappresentare un punto di riferimento nel mondo sportivo, ed essere Città Europea dello Sport per il 2024 è un ottimo modo per dimostrarlo al resto d’Italia e d’Europa – rimarca il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti – Un riconoscimento prestigioso che è anche un volano per l’economia e il turismo della città, oltre a rappresentare un’occasione per raccontare la lunga tradizione sportiva genovese e ligure, sia in ambito professionale che dilettantistico. Come Liguria, siamo pronti a raccogliere il testimone nel 2025, quando saremo Regione Europea dello Sport: un “tandem” capoluogo – Regione in campo sportivo che rappresenta anche il successo della collaborazione tra i due enti e l’efficacia degli interventi infrastrutturali e le iniziative di promozione fatti negli scorsi anni».

«Si è aperta con un grande successo in termini di partecipazione ed entusiasmo da parte di genovesi e turisti la rassegna di Genova 2024 Capitale Europea dello Sport che avrà al suo interno oltre 100 eventi in cartellone – dichiara l’assessore Bianchi – La presentazione di giovedì darà una vetrina nazionale al nostro intero progetto per fare conoscere a una platea ancora più ampia le iniziative e soprattutto i valori di una manifestazione lunga un anno, all’insegna dell’inclusività e dell’importanza dello sport come elemento imprescindibile nella vita di ogni persona e come volano economico per il turismo italiano con particolare attenzione alla sostenibilità. Ringrazio, in particolare, i ministri allo Sport Abodi e al Turismo Santanchè che interverranno giovedì: con la loro presenza dimostrano l’importanza di Genova 2024 Capitale Europea dello Sport e degli eventi a calendario per l’intero sistema Paese».

«Siamo una regione molto sportiva: Genova che ne è capoluogo lo conferma con il titolo di Capitale Europea dello Sport – dice l’assessore regionale allo Sport Simona Ferro – È il miglior viatico che potremmo avere per proiettarci al 2025 quando la Liguria sarà Regione Europea dello Sport. Ci apprestiamo a vivere due annate straordinarie. Questo 2024 è già iniziato alla grande per Genova, ma siamo solo all’inizio di dodici mesi straordinari. Lo sport è agonismo, ma anche sacrificio, rispetto, amicizia, solidarietà, condivisione e cultura. È anche riscatto se pensiamo alle attività paralimpiche. In una regione come la nostra è pure turismo. Questa lunga strada di Genova prima e la Liguria poi Regione dello sport europeo ci impegnerà molto, ma sarà un cammino bellissimo per renderci ancora più orgogliosi del nostro territorio».

Info e aggiornamenti su www.genovasport2024.it.





Partecipa alla discussione